Lora Daria

Sono stata un po’ assente, ma mi e’ capitata un’ avventura straordinaria e voglio raccontarvela, anche se so che c’è chi non crederà alle mie parole.
Ho incontrato un alieno. Un marziano per l’esattezza.
Sabato sera sono scesa per buttare l’immondizia e me lo sono trovato davanti. Nessuna paura da parte mia, lui si è un po’ si e’ spaventato per il mio pigiama di pile a pupazzetti rosa. Ero anche struccata, per giunta.
Insomma, mi spiega che non vengono sulla terra da 20.000 anni, che questa volta e’ toccato a lui e deve tornare su Marte con qualche novita’.
-Beh, non puoi lasciare il disco volante qui
-Non e’ un problema, si ripiega
-Ma ora io devo tornare a casa, e’ tardi e mio marito si chiedera’ che fine ho fatto.
-Non puoi dirgli che sei con un marziano?
-Non so come funzioni da voi ma qui se una moglie dice che e’ fuori con un marziano potrebbe passare un guaio. Senti, ripiega la navicella, puoi passare la notte nel mio garage. Domani mattina vediamo.
Adesso non sto qui a spiegarvi i discorsi per filo e per segno della mattina successiva ma alla fine abbiamo deciso per una giornata in giro per Roma.
-Ma dai!! Anche noi abbiamo i crateri su Marte.
-Non sono crateri, queste sono buche.
-Che idea, fare una fiera degli odori corporali nelle antiche diligenze.
-Ecco, no… Questa e’ la metropolitana.
-Ma guarda che strana forma di arte che è questa…
-Questi sono barboni…
Cominciavano a girarmi i coglioni
-Avete dei mezzi di locomozione che secondo il mio computer inquinano troppo e fanno troppo rumore.
Cristo Santo, adesso lo stendo con un cazzotto, alla faccia dell’accoglienza. Niente gli va bene.
Cristo santo, ho detto Cristo santo?
Che idea, che folgorazione!
Lo porto dal Papa, Francesco piace a tutti tutti.
Non posso permettere che torni su Marte e racconti solo cose brutte.

Piazza S. Pietro piena, gente che canta e prega, emozioni palpabili. Il Papa dalla finestra saluta tutti, con un pensiero particolare per chi e’ arrivato da lontano. A queste parole noto che all’extraterrestre viene l’ occhio lucido.
Francesco scende tra la folla: grida di giubilo, svenimenti, lacrime.
-Ma dimmi di più su questo uomo… è tutto così incredibilmente… incredibilmente…
-Come posso spiegarti, è come un cantante rock ma molto molto molto più famoso e buono.
-E tutta questa gente lo adora?
-Si.
-Che strano, sento come qualcosa allo stomaco.
-Fa questo effetto.
-Catia, non mi aspettavo niente del genere, questo stravolge i miei piani. Io devo portarlo con me su Marte, subito. In che modo potrei spiegare alla mia gente quello che sto vedendo se non portando lui?
-Si, lo capisco e credo sinceramente che tu debba fare il tuo dovere.

Domenica 16 febbraio 2014.
I tg di tutto il mondo danno la straordinaria notizia. Il Papa che è venuto a cambiare la Chiesa, il Santo fattosi uomo, è asceso al cielo. Dio stesso è venuto a prenderlo e tutti sono testimoni. Francesco era li in mezzo a loro, poi una luce abbagliante e non c’era più.
Il mondo intero grida al miracolo, milioni di uomini ormai si stanno convertendo, il punto dove è sparito è meta di pellegrinaggi, proprio quel punto esatto li.
Santo, santo subito. Si comincia a mormorare che fosse addirittura Gesù.

Catia Disobbediente Fioriti.


'Lora Daria' has no comments

Be the first to comment this post!

Lascia un commento

ArsenaleK © 2016 - All rights reserved.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: