Intervista a Papa Francesco

Eccoci qui con Jorge Maria Bergoglio, nato a Buenos Aires il 17 marzo 1936, 266º vescovo di Roma e papa della Chiesa cattolica, 8º sovrano dello Stato della Città del Vaticano, primate d’Italia, Successore del principe degli apostoli, Sommo pontefice della Chiesa universale, Primate d’Italia, Arcivescovo e metropolita della Provincia Romana, Servo dei servi di Dio. Gran Maestro dell’Ordine Supremo del Cristo, Gran Maestro dell’Ordine dello Speron D’Oro, Gran Maestro dell’Ordine Piano, Gran Maestro dell’Ordine di San Gregorio Magno, Gran Maestro dell’Ordine di San Silvestro Papa…senta, non è che lei è un po’ il Mastrapasqua di Città del Vatiano, vero?

Santità, buonasera, per cominciare una piccola curiosità personale, sono due settimane che non fa un’interurbana. Mi dica: si sente bene? Sa mi informo perché trombo ogni morte di Papa e già con la sua elezione ho saltato un giro…

Volevo iniziare con una domanda tanto per rompere il ghiaccio: anche lei quando va in giro in macchina cambia stazione quando c’è Radio Maria?

Parliamo del suo nome da Pontefice. Lei ha scelto Francesco più perché voleva rompere con una tradizione di chiesa sfarzosa o più perché voleva continuità con una chiesa che parla con gli uccelli?

Passiamo al suo atteggiamento verso le persone. Lei ha sempre dedicato grande attenzione agli emarginati e ai più deboli. Ha sentito Alfano in questi giorni?

Un po’ di storia. Proprio un anno fa Papa Benedetto XVI dava le dimissioni dalle quali scaturisce la sua investitura. Visto che secondo padre Lombardi si sapeva già che Ratzinger avrebbe abbandonato mesi prima dell’annuncio ufficiale, ha il timore che la chiesa protestante possa chiedere l’impeachment di Dio?

Parliamo di politica internazionale. Ho letto che nei primi giorni di aprile la regina Elisabetta e il principe Filippo verranno a farle visita… E’ contento o spera in un “pesce d’aprile”?

Lei primeggia in tutto. E’ il primo Papa che arriva dal continente americano, il primo gesuita, il primo a scegliere di chiamarsi Francesco. Sa che se vuole potrebbe essere il primo a rinunciare all’8×1000?

L’italiano a volte è una lingua complicata. E’ vero che quando un giornalista le chiese “Senta ma se le dico: “lobby gay “in Vaticano”’, lei commentò:  “L’hobby? No, quelli ci danno dentro come un lavoro!”

Politiche sociali. Mi conferma che quando Giovanardi ha dichiarato: “I gay sono dei malati”, lei ha commentato: “Chi sono io per giudicare un gay? Non sono un medico”?

Santità, lei si è detto contrario ai cristiani da salotto, ma è almeno favorevole quelli da caccia e da tartufo?

Una piccola curiosità, ma quando lei ha detto: “Il cristiano è una lampada accesa”, stava battezzando il figlio di Carlo Conti o è seriamente convinto che Paola Ferrari debba essere fatta Vescovo?

Francesco, lei è il primo papa che compare sulla copertina di Rolling Stone. A quando Marylin Manson sulla prima pagina di Famiglia Cristiana?

Anche in fatto di abiti è stato il primo che non appena eletto si è presentato alla benedizione Urbi et Orbi senza l’abito corale. Per la visita della Regina Elisabetta sotto l’abito talare cosa indosserà: slip, boxer o bigolo al vento?

Una domanda di politica internazionale. Secondo una recente indagine la maggioranza dei credenti di Europa, America Latina sarebbero a favore del matrimonio dei preti. E’ d’accordo con me che non è giusto infliggere un così duro colpo alla pedofilia?

Parlo al Bergoglio uomo. Se per la quinta domenica di fila alle 6.10 del mattino le suonassero alla porta i Testimoni di Geova se la sentirebbe di gridare: “Non rompere le palle, siamo atei!!!”?

Papa Francesco lei ha aperto  le porte della Chiesa agli omosessuali, ai divorziati e alle donne che hanno abortito. Ma solo se tutte e tre le cose insieme, giusto?

Una domanda per il Francesco uomo: è vero che, quando è morto Priebke, lei  passato tutta la giornata a cercare di consolare Ratzinger?

Cambiando argomento, quando i 5 Stelle hanno detto “Il papa è grillino”, lei come ha commentato “Belin, ragazzi, è una cosa pazzesca” o “Vaffanculo”?

Papa trasgressivo, pare che da giovane lei abbia fumato della marijuana. Mi conferma che non ha buchi nel cervello?

Santità, proprio nei giorni scorsi ricorrevano i Patti Lateranensi; lei cosa pensa delle continue ingerenze dello governo italiano sulle decisioni dello Stato Pontificio?

Santità, una domanda per chiudere. Sui dubbi che attanagliano la vita di ognuno di noi, il futuro, le scelte da fare e le offerte da cogliere i suoi consigli sono fondamentali per milioni persone: è meglio Tim, Vodafone o Wind?

(Battaglia, Brosio, Bruce Ketta, Bruno, Carlini, Conte Fonte, De Collibus, Dimasi, Distante, Ferri, Fiorillo, Garofalo, Gilli, Guadalupi, Guizzi, Klobas, Lapelouse, Muccilli, Reggiani , Rizzuto, Soldini, Todaro, Toniazzo, Tromby)

 


'Intervista a Papa Francesco' have 2 comments

  1. 13 febbraio 2014 @ 12:57 manco_travaglio

    gente, urge un correttore di bozze…

    Reply

  2. 15 febbraio 2014 @ 11:00 Intervista a Papa Francesco | SFERA - feed di s...

    […] Eccoci qui con Jorge Maria Bergoglio, nato a Buenos Aires il 17 marzo 1936, 266º vescovo di Roma e papa della Chiesa cattolica, 8º sovrano dello Stato della Città del Vaticano, primate d’Italia, Successore del principe degli apostoli, Sommo…  […]

    Reply


Lascia un commento

ArsenaleK © 2016 - All rights reserved.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: