Una notte senza Sanremo

Non guardo MAI Sanremo perchè proprio non mi attira ma è inutile negare che durante la kermesse si avverte un netto cambiamento di atmosfera.  Durante Sanremo:
– il 118 non funziona: una voce registrata avverte “servizio urgenze ed emergenze disattivato. Andate a morire altrove. Grazie”. Lo ripete in otto lingue, compreso il vendoliano.
– i negozi di mezza Italia chiudono in anticipo. Quelli dell’altra metà avevano chiuso a settembre causa crisi.
– mariti di solito seri e rigorosi si mettono a cantare sotto la doccia “Aaaaaancoooraaa!” provocando un effetto simile alla Guerra dei due Mondi sui nervi della consorte.
– nessun rumore di aspirapolvere, tagliaerba, bambini che frignano, batteria e chitarra elettrica nel quartiere: segno che nessuno vuole perdersi le parole del Verbo sanremese.

Io nel frattempo trovo la connessione libera e bella, quindi chatto/gioco/ascolto musica che pare a me ed esco nuda sul terrazzo a guardare la luna. Non è vero, ma potrei farlo senza che nessuno lo notasse.  (Ieri sera c’erano una luna e una serata splendida, tra l’altro).

[Arianne Lapelouse]


'Una notte senza Sanremo' has no comments

Be the first to comment this post!

Lascia un commento

ArsenaleK © 2016 - All rights reserved.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: