Toscano, maschio, bello. Ecco il profilo del nuovo governo


Dal punto di vista del genere, il governo Renzi presenta tre aree ben distinti: un nutrito blocco di maschi (52%), una più sparuta rappresentanza femminile (27%) e un solido 21% di renziani.

Un governo con meno dentiere del governo Monti e più alto della media dei governi Berlusconi. Invariato il numero dei ruffiani

Con la designazione dei 44 sottosegretari e dei 9 viceministri, la composizione del governo Renzi è giunta alla sua struttura definitiva. Un governo con molto nord, molti uomini, molto bello fisicamente, giovane da un punto di vista anagrafico, con un livello di istruzione scolastica che lo mette alla pari delle migliori facoltà americane, una conoscenza delle lingue invidiabile e una varietà di hobby che non ha pari al mondo. In termini comparativi, è più alto della media dei governi Berlusconi, più magro di quelli presieduti da Romani Prodi, meno dentiere del governo Monti e lo stesso numero -più o meno- di ruffiani del governo Letta. Nelle tabelle che seguono, approfondiamo alcuni dettagli del nuovo governo

In termini di provenienza anagrafica, come è evidente dai numeri, Nord e Centro molto forti, ma un ruolo significativo ha anche la provenienza da casa di Renzi. Dal Sud proviene Angelino Alfano e al sud tornerà abbastanza in fretta il sottosegretario Antonio Gentile.

E’ un governo molto preparato dal punto di vista scolastico: il 59% della compagine è laureata, il 39% ha un titolo post-laurea e il 2% ha conquistato il titolo di Sotuttoio. In termini di esperienza internazionale, il 35% dei membri ha lavorato all’estero, il 45% ha fatto almeno una vacanza fuori dai confini internazionali, il 10% ha limonato almeno una volta con uno straniero/straniera, il Ministro Pinotti ha fatto un viaggio con Interrail e Francesca Mogherini è stata una volta a Chiasso.

Passando agli aspetti più politici, il PD fa la parte del leone con il 60% delle cariche, NCD e altre forze di maggioranza occupano il 20%, mentre il restante 20% è stato affidato a Forza Italia. Per ragioni di carenza di posizioni, restano esclusi Gasparri, La Russa e Calderoli con una forte perdita di capacità di rappresentanza folklorica del nuovo governo.

Per situazione familiare, il nuovo governo presenta 3 aree ben distinte: senza figli il 28%, 70% con figli a cui si aggiunge un 2% di Del Rio. Analogamente, la distribuzione per livello di istruzione presenta un incoraggiante 59% di laureati, un 39% di master e dottorati e un 2% di sotuttoio

Da ultimo due aspetti: la distribuzione delle deleghe nel governo e la presenza delle correnti PD. A riguardo del primo aspetto, la tabella mostra che il 70% delle deleghe è al PD, mentre del restante il 21% è a Renzi. Rispetto alla seconda domanda, invece, i dati parlano chiaro: non esistono correnti nel PD.


'Toscano, maschio, bello. Ecco il profilo del nuovo governo' has no comments

Be the first to comment this post!

Lascia un commento

ArsenaleK © 2016 - All rights reserved.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: