Intervista a Roberto Maroni

Siamo qui con Roberto Maroni, governatore della Lombardia, Prima di iniziare l’intervista vera e propria, una curiosità per i nostri lettori: è vero che il prossimo Consiglio Regionale si terrà a San Vittore?

Ma passiamo a lei. Roberto Maroni nato a Varese il 25 marzo 1955, pesci. Vuol restare muto come il suo segno e concludiamo subito l’intervista o preferisce dirci qualche cazzata delle sue?

Scherzo, una domanda sulla sua carriera, lei è stato ex Vicepresidente del Consiglio dei Ministri, ex Ministro dell’Interno, ex Ministro del Lavoro ed ex Segretario della Lega Nord. Quanto le manca per essere ex Presidente della Regione Lombardia?

Proprio su questo tema, quando si è insediato alla Regione Lombardia ha dichiarato: “Voglio continuare l’esperienza di buon governo di chi mi ha preceduto” ossia di Roberto Formigoni. Lo sa che ci sta riuscendo benissimo? A proposito lei conserva gli scontrini durante le vacanze, vero?

Presidente, la storia della Lega è affascinante: prima il grande successo di Roma ladrona, che vi ha visti protagonisti assoluti, ora Milano. Quali sono i prossimi obiettivi?

Parliamo delle sue dichiarazioni. Quattro anni fa dopo una trasmissione di Saviano a gran voce ha tenuto a precisare che la mafia al nord non esiste. Anche a fronte dell’indagine che la vede tra gli indagati, pensa che la geografia sia un’opinione?

Restiamo sul pezzo, corrisponde al vero che, poche ore dopo aver ricevuto l’avviso di garanzia, qualcuno l’abbia vista al banco informazioni della Lebanon Air Lines?

Una domanda di politica monetaria sulla questione euro: se davvero non vi piace, perchè ne fottete così tanti?

Torniamo ai suoi inizi…ci tolga una curiosità, è vero che ha iniziato la sua carriera in politica con Umberto Bossi perchè non ha trovato alcuna droga che le piacesse?

Due domande per chiudere. La prima: Presidente Maroni, ripensando alle vicende del suo ex-collega piemontese Cota, di che colore sono le sue mutande?

La seconda: discreto suonatore di sax, lei ha una grande passione per la musica ma si sa che la scarica illegalmente. Possiamo dire che ha una grande passione per la politica ma la pratica illegalmente?

Insomma e per concludere, Maroni, per quanto tempo ancora pensa che l’avremo tra il suo cognome?

(Toniazzo, Brosio, Viano, Todaro)


'Intervista a Roberto Maroni' has no comments

Be the first to comment this post!

Lascia un commento

ArsenaleK © 2016 - All rights reserved.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: