Non avrai altro comico all’infuori di me

'Non avrai altro comico all’infuori di me' have 7 comments

  1. 19 Dicembre 2014 @ 11:41 machiavelli1

    “Spero che dopo i comandamenti in TV, Benigni legga il codice penale in Parlamento.”

    E specialmente che venga applicato caro Danilo Petrelli.
    Molto incisiva quella di Tanuccio che decide di studiare da anticristo,
    molto bene anche Giulysua e Avvocato Brosisky.
    Il compenso è alto,ma se aumenta gli introiti pubblicitari…
    L’importante è il fatto che paghi le relative tasse.

    Reply

  2. 20 Dicembre 2014 @ 19:51 luis

    Leggere queste cose mi fa veramente incazzare.. Ma qualcuno di questi geni ha ascoltato bene quello che ha detto Benigni? La sua forza rivoluzionaria é stata vagamente compresa? Pare proprio di no! Se il suo compenso fosse stato molto più basso andava tutto bene anche se avesse detto minchiate? Allora vanno bene programmi come ballando con le stelle che costano magari la stessa cifra totale, però divisa fra tanti ‘artisti’ (come Bobo Vieri, per esempio)? Ma allora di che ci lamentiamo se la tv nazionale è piena di tanti idioti che ci rimbecilliscono, tanto non guadagnano mica come Benigni! E questo sarebbe un sito di controinformazione, magari di ‘sinistra’? Il commento di LVIX è degno del peggior Ferrara! E tutti riconducibili alla più becera ‘destra’. Questo è il vero problema italico: non esiste una vera comprensione, tutti dietro agli stereotipi. Come pecore, sempre

    Reply

    • 22 Dicembre 2014 @ 00:22 LVIX

      Infatti sono di destra. Quindi?

      Reply

  3. 21 Dicembre 2014 @ 22:57 franzmontales

    Bobo Vieri guadagnava tanto perché faceva guadagnare tanto ad altri. Anche Benigni ha fatto guadagnare alla Rai, dirà LUIS, quindi cosa volete? Beh, Bobo Vieri non ha mai voluto insegnare alla gente come vivere, non ha mai dato lezioni morali. Se uno si mette a predicare contro il denaro preferirei che non chiedesse 4 milioni di euro allo Stato. Anche se gliene fa guadagnare di più. Se uno è arrivato dove è arrivato anche grazie (certo che è bravo, per carità) alla santificazione della sinistra –quando era sinistra– in piena crisi non chiede 4 milioni per due serate (altro che Vieri) e spiccioli.

    Reply

  4. 22 Dicembre 2014 @ 23:16 luigidigiusto

    Ringrazio veramente Franzmontales per il commento preciso che credo spieghi bene il punto di vista, non solo suo, ma credo anche degli altri che hanno scritto sull’argomento. Soprattutto perchè posso spiegare meglio come la vedo e per quale motivo questi concetti mi fanno arrabbiare. Vediamo: Franzmontales ribadisce il concetto del mercato e del denaro; Bobo Vieri (rimaniamo su questo esempio che calza a pennello) e Benigni chiedono e ottengono tanti soldi e va bene così perchè li fanno guadagnare. Solo che, nel caso di Benigni, questo è sbagliato perchè lui predica contro il denaro e non può chidere tutto quel denaro. Mentre Vieri non lo ha mai fatto e può chiederlo. Giusto? Ho inquadrato bene? Se è così (come credo) dico subito che la cifra chiesta da Benigni è troppo alta, su questo non ci piove, anche se fa guadagnare di più. Mentre quella di Vieri è SCANDALOSA e non me ne frega niente se fa guadagnare di più. Questo perchè, appunto, si guarda solo l’aspetto del mercato ed è sbagliatissimo secondo me. Primo perchè la Rai dovrebbe fare servizio pubblico e dare programmi di qualità (quello ce lo dimentichiamo sempre), quindi lasciare programmi come ballando con le stelle o l’isola dei famosi alla TV commerciale che non ha di questi problemi (per vivere, oltre la pubblicità, ha anche il canone, non gli basta?) Secondo, e qui arriviamo finalmente al nocciolo del mio pensiero, perchè in questo paese bisognerebbe una buona volta guardare al valore delle cose, alla meritocrazia. Così se esistono programmi come ballando con le stelle, che non definisco sennò mi querelano, che, se solo Vieri prende 800 mila euro, vi immaginate quanto costa (anche per loro c’è la crisi..) e programmi come quello di Benigni (sicuramente costato meno ma solo due serate, comunque non è questo, ripeto, il punto) da trasmettere nelle scuole per la sua profondità, è sbagliatissimo trattarli allo stesso modo o buttarli entrambi. E’ come se metessimo sullo stesso piano Fellini e i cinepanettoni. per dirla in un altra maniera: Benigni non da lezioni morali, non insegna a vivere ma da una lettura diversa, dalla superficie conosciuta, quindi profonda, a grandi classici (Divina commedia, Dieci comandamenti) così come Fellini poteva farlo con altri classici (Casanova) e cosi via per altri artisti. Ma la grande avversità italica per la cultura lo mette sullo stesso piano dei cinepanettoni, Vieri e chi più ne ha più ne metta, tirando in ballo quello che guadagna (ripeto, comunque troppo alto) senza guardare il valore offerto (e ripetendo il mantra che chi fa arte non può essere esoso mentre chi fa cacate si). Strano paese il nostro perchè in altri settori si capiscono bene queste cose. Nessuno si sognerebbe di pensare che una Ferrari dovrebbe costare quanto una carriola o che Messi dovrebbe chiedere e guadagnare quanto me (vi assicuro, sono scarso) per giocare a pallone (ho citato questi due esempi perchè tra le due questioni trattate questa è la differenza). Tra l’altro se si mettessero sullo stesso piano, togliendo ogni questione morale e quant’altro, se Vieri in TV guadagna 800 mila euro quanto dovrebbe prendere Benigni? 40 milioni sono pochi? Beh… dite voi.
    Ora chiudo, spero di essere stato esauriente.

    Per quanto riguarda la risposta al mio commento di LVIX, mi dispiace ma per poter rispondere anche minimamente dovrei scrivere una decina di pagine come questa e sinceramente non me la sento. Anche perchè sono sicuro che riuscirei a spiegare, se va di lusso, un decimo del dovuto. E quindi altre dieci pagine, e via e via. Così, se vuoi, devi darti una risposta da solo, o senno.. sconosciuti come prima…
    Buonanotte!

    Reply

    • 23 Dicembre 2014 @ 13:37 LUIS

      Scusate.. il commento sopra è sempre mio.. ho sbagliato ed è venuto il mio nome.
      LUIS

      Reply

  5. 14 Gennaio 2015 @ 07:19 Ahote

    4 milioni di euro a Benigni per leggere i dieci comandamenti. Quando l’ha saputo Messi ha chiesto di essere ceduto alla RAI.

    Reply


Lascia un commento

ArsenaleK © 2016 - All rights reserved.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: