Presunto studente

Cassata all’italiana

La legislatura italiana prevede tre gradi di giudizio: Primo Grado, Secondo Grado e Liberi tutti!

La Cassazione assolve Amanda Knox e Raffaele Sollecito dopo nove ore di camera di consiglio. Non riuscivano a trovare dei dadi.

Amanda e Raffaele innocenti. Ignoravano che Meredith fosse allergica alle coltellate.

Quindi Rudi Guede resta l’unico concorrente del concorso in omicidio.
Il classico raccomandato.

Secondo la difesa di Sollecito, Meredith sarebbe stata uccisa da un’arma mai rinvenuta. La depressione.

Non so perché, ma se dovessi mai essere giudicato dai Giudici della Cassazione, vorrei che avvenisse nottetempo.

Oramai la Corte di Cassazione vale meno della casella Imprevisti nel Monopoli.

Dall’esame della stanza degli studenti del progetto Erasmus sono emersi coltelli, mutande, reggiseni, tracce di sborra, alcolici e droghe, ma di libri neanche l’ombra. 

1post ring

Sollecito telefona alla Knox: ‘7 giorni’.

 

Io Amanda e lo scuro

La presenza del DNA di Sollecito sul gancetto del reggiseno della vittima è dovuto a contaminazioni. Soprattutto nell’outfit del ragazzo.

Le tracce di DNA rilevate sulla scena del crimine potrebbero essere quelle spruzzate da Vespa.

Sollecito non vuole più essere chiamato assassino. Sarà che sono garantista, ma io l’ho sempre chiamato “faccia da pirla”.

Durante il delitto, Raffaele stava guardando i cartoni. Pensava a dove traslocare.

«Adesso non chiamatemi più assassino» chiede Sollecito, il noto assistente proattivo all’eutanasia coatta.

Sollecito chiederà il risarcimento per ingiusta detenzione. E la restituzione del coltello.

“Non chiamatemi più assassino”. Altrimenti Guede vi ammazza.

Tra gli avvocati del giovane spicca Giulia Bongiorno che in passato difese Andreotti e Pacini Battaglia. È la stessa che vorrei io dopo aver fatto una strage in Cassazione.

Il Legale ha paragonato il suo assistito a Forrest Gump. Quando ha scoperto che voleva pagare la parcella in gamberi.

2postspiederman

La Difesa le ha provate tutte: ‘Dopo il morso del ragno la sua vita è cambiata’.

 

Un’americana a Perugia

Amanda: “Mi avete restituito la vita”. Nulla da fare per Meredith, invece.

La Knox ha festeggiato con amici e parenti negli USA. A Meredith le era caduta una funivia in testa.
(Bisognava farli processare in India).

Amanda: “Sono sollevata!”. Ok, però adesso posa quel cric.

‎I giudici della Suprema Corte hanno ritenuto illogiche le precedenti condanne. “Perché Amanda Knox ci sta sul cazzo” a me sembrava ragionevolissimo.

In questa paradossale vicenda mancava solo la confessione di Michele Misseri: “Sono stato io col trattore”.

Ora Knox e Sollecito chiederanno i danni. Aperto un nuovo fascicolo: “Suicidio Meredith”.
(A questo punto mi aspetto che scendano in campo).

 

[A cura di: ArsenaleKappa – Autori:  AFarfalle, Alcafar, Andre21, Aridodentro, Ballachetipassa, Elmorisco, Fabrizio Gilli, Franco Kappa, Giulysua, Heliandros, Jackbass, Joe Wine, L’Antieroe, Lucanawa, LVIX, Mikus, Paniruro, Rostokkio, Salvo84, Tenebrosio  – Illustrazioni: Andrea Cecchin, Diego Carli – Corsi e Ricorsi: Andre21]


'Presunto studente' have 2 comments

  1. 30 Marzo 2015 @ 18:19 machiavelli1

    COMPLIMENTI.

    Peccato però che resti l’amaro in bocca ed in galera rimane Guede,tanto lui e negro,no?

    Reply

    • 30 Marzo 2015 @ 19:54 L'Uomo Rana

      Magari, se riuscisse a dimostrare che è solo abbronzato, lo liberano

      Reply


Lascia un commento

ArsenaleK © 2016 - All rights reserved.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: