THE NIRO

THE NIRO
Davide Combusti, in arte The Niro, nasce a Roma nel 1978, figlio non riconosciuto dell’attore americano Al Pacino.

Cantautore e polistrumentista, (one man band) Davide sviluppa sin dall’inizio il proprio percorso musicale attraverso una grande attività live, che lo porta a dividere il palco con tanti nomi illustri del panorama musicale mondiale come Deep Purple, Amy Winehouse, Carmen Consoli e i Gazosa.
Tenta la carriera di cabarettista col fratello Attilio e formano il duo ‘De Blanco e The Niro’, ricordiamo la volta in cui vennero pestati a sangue all’autogrill di Frosinone da un gruppo di ultras romanisti.

Nel 2007, accantonato il cabaret in bianco e nero, esce l’album di debutto omonimo, “The Niro” (la fantasia degli artisti ndr), il cui artwork porta la firma dell’artista newyorkese Mark Kostansac (già autore delle cover di “Siedi e ascolta” dei Jalisse e di “Cesso” di Pippo Franco).

Tutti i brani sono in lingua inglese tranne il brano ‘The Niro’ che è in lingua di bue.

Nel 2008 partecipa al concerto del Primo Maggio a Roma, tra le prime file, mentre un mese dopo si esibisce a Losanna in occasione del ‘Losanna, Losanna mon amour’.

Nel 2009 si esibisce in tutte le piazze d’Europa e metropolitane di Berlino e Parigi. Viene invitato a Los Angeles, proprio dalle società delle metropolitane di Berlino e Parigi, per toglierselo un po’ dalle palle, insieme a Subsonica, Negrita, Franco Battiato e Luca Sardella, tra gli altri. Lui e Sardella accetteranno.

Nel 2010 esce il suo secondo album, “Best Whisky”, di nuovo cantato interamente in lingua inglese, ma con forte accento tedesco e una particolare voce impastata che giustifica il titolo dell’album.
The Niro muove i primi passi nell’ambito della cinematografia cominciando a scrivere colonne sonore per film porno.

Sempre nel 2011 Al Jazeera, accortasi del suo inglese, lo invita a raccontare la città di Roma attraverso la sua musica, (non parole, musica ndr).

Per tutto il 2013 lavora in studio al nuovo album. È un grande passo nella carriera dell’artista romano perché, a differenza delle precedenti opere, il disco è interamente scritto e cantato in italiano, quindi bisogna che almeno i congiuntivi li impari.
“1978”, questo è il titolo dell’album, ma anche del brano che interpreterà e lo vedrà protagonista sul palco dell’Ariston a Sanremo nella categoria Nuove Proposte, al prossimo Festival della Canzone Italiana. I titoli dei prossimi album saranno “Roma” e “Celibe”.

ArsenaleK © 2016 - All rights reserved.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: